Famiglia per tutti


L'ASSOCIAZIONE FAMILIARISTI ABRUZZO (ANFI), E' COMPOSTA DA AVVOCATI, PSICOLOGI, PSICOTERAPEUTI, PEDAGOGISTI, MEDIATORI FAMILIARI, INVESTIGATORI PRIVATI, GIURISTI E MAGISTRATI CHE A DIVERSO TITOLO, LAVORANO PER LA FAMIGLIA. ESSA SI RIVOLGE IN MODO PARTICOLARE ALLE FAMIGLIE ED AI MINORI, SIA SUL TERRITORIO REGIONALE CHE NAZIONALE, CON SERVIZI DI CONSULENZA GIURIDICA, PSICOLOGICA E DI MEDIAZIONE FAMILIARE. L'ASSOCIAZIONE INTENDE ACCOMPAGNARE CHI SI TROVA AD AFFRONTARE FASI CRITICHE COMUNQUE PROBLEMATICHE ALL'INTERNO DEL PROPRIO NUCLEO AFFETTIVO, AIUTANDO A GESTIRE TUTTE LE IMPLICAZIONI CHE COINVOLGONO LE PARTI INTERESSATE, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA TUTELA DI QUELLE PIÙ DEBOLI. LE ATTIVITÀ SPAZIANO DALLA CONSULENZA INFORMATIVA DI TIPO LEGALE, PSICOLOGICA E DI MEDIAZIONE, ALLA PROMOZIONE ATTRAVERSO CONVEGNI FORMATIVI DI SERVIZI ATTI A GESTIRE OGNI FORMA DI DISAGIO O DIFFICOLTÀ.

I NOSTRI SCOPI: TUTELA CIVILE E PENALE DELLE FAMIGLIE E DEI MINORI;

AIUTO ALLE COPPIE NEI MOMENTI DI DIFFICOLTÀ AFFETTIVA;

SUPPORTO DEI GENITORI NEL LORO PROGETTO EDUCATIVO;

 LABORATORI PER GENITORI E FIGLI;

SENSIBILIZZAZIONE SULLE TEMATICHE LEGATE ALLA GESTIONE COSTRUTTIVA DEI CONFLITTI ATTRAVERSO MANIFESTAZIONI, CONVEGNI, INCONTRI ED EVENTI.

I NOSTRI PROGETTI: SPAZIO INFORMATIVO DI TIPO LEGALE, PSICOLOGICO E SULLA MEDIAZIONE FAMILIARE;

ATTIVAZIONE DI AZIONI POSITIVE E INTERVENTI DI RETE. LE ATTIVITÀ 2014:
LA TEMPESTA DELLA CONFLITTUALITÀ: ESCALATION DEL CONFLITTO;

LA FERITA DELLA SEPARAZIONE: COS’È E QUALI SONO LE CAUSE SCATENANTI;

BAMBINI IN PERICOLO: DE-RESPONSABILIZZAZIONE PERSONALE;

LA TEMPESTA È MEDIATA: COS’È LA MEDIAZIONE FAMILIARE;

L’ARCOBALENO DELLE POSSIBILITÀ: IL PERCORSO DEL CAMBIAMENTO CON IL MEDIATORE;

POTENZIALE POSITIVO DELLA CONDIZIONE CONFLITTUALE: EMPOWERMENT E RECOGNITION;

BAMBINI NON DIVISI MA CONDIVISI: L’AFFIDAMENTO CONDIVISO;

FINESTRA CHE SI APRE AL FUTURO: GENITORI-SEMPRE.

This entry was posted on . You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response.

Leave a Reply